mercoledì 5 marzo 2014

Il fantastico mondo dei Pirati in libreria

Repubblica.it, presentazione a cura di Simona Casalini
Per la nuova sede della libreria in via del Vantaggio 19 ieri si è trattato di una sorta di inaugurazione. Non più gli spazi ai quali eravamo abituati ma un ambiente molto più raccolto, dove le migliaia di libri non sono più sistemati “in orizzontale”, come spiega compiaciuto Marco Firrao che ora tiene saldamente le redini della nuova struttura, ma “in verticale”, considerate le altezze degli scaffali.
Così Costantino Meucci, insieme a Cladio Mocchegiani Carpano, hanno presentato il progetto per la creazione del Museo della Pirateria di Ile a Vache di Haiti. Per l’Ambasciata erano presenti il Primo Segretario Alexandre Jean Bony e l’addetto culturale Danielle Longo. Il tam tamo organizzato come al solito da Giulia e con l’aiuto dei quotidiani locali come Repubblica.it che ne ha dato la notizia sono serviti per avere una straordinaria affluenza. L'attività di ricerca, documentazione e conservazione del patrimonio subacqueo dell’isola dei Caraibi finalizzata alla creazione di un museo della Pirateria con due sezioni, una a terra l’altra in mare, è parte integrante del progetto di valorizzazione turistica dell'Ile-à-vache, dalla natura pressoché incontaminata
Il Messaggero, 5 marzo 2014
Anche la Libreria darà il suo contributo diventando centro di raccordo tra la “squadra”, al lavoro nel fantastico Mar dei Caraibi, l’Ambasciata e quanti, subacquei e studenti, vorranno impegnarsi direttamente alla ricerca in modi da stabilire. Già ieri sera Costantino Meucci, responsabile del progetto, in chiusura del suo intervento ha invitato chi fosse interessato a inviare domande e curriculum presso la Libreria.
La partecipazione alla serata del Primo Segretario dell’Ambasciata Haitiana ha sottolineato quanto il Ministero del Turismo sia impegnato nel progetto.
La notizia è poi stata accolta dal quotidiano romano Il Messaggero con una pagina nella sezione Cultura a firma di Laura Larcan.

Nella fotografia:
da sinistra Claudio Mocchegiani Carpano, Danielle Longo, Alexander Jean Bony e Costantino Meucci

Interno della libreria