sabato 11 maggio 2013

Carlo Borlenghi e i suoi WaterColours. Ancora una volta ci stupisce

Carlo Borlengi e Giuia D’Angelo, alle loro spalle “Vento”
Carlo Borlenghi, “Carletto" come ama chiamarlo Giulia, è riuscito, tra l’America’s Cup a Napoli e la regata Pirelli di Santa Margherita Ligure, a deviare il suo trasferimento per fermarsi qualche ora a Gaeta.
Lo aspettavano quelli del Premio Internazionale per l’Editoria del Mare, gli hanno consegnato il riconoscimento nella sezione Fotografia “per la qualità della sua produzione fotografica e la capacità di cogliere l’ebbrezza della competizione velica mettendo in rilievo il gioco delle vele, gli spruzzi delle onde e la forza del vento che sferza la superficie del mare”.



A ds. nella foto: Gaeta, a bordo della Nave Scuola Giorgio Cini della GdF, Giulia con il Comandante Alessio Sannino, presenta il “trittico” WaterColours di C. Borlenghi.

A sn. Borlenghi riceve il premio (Pagine Salate una realizzazione di Paolo Barnacca)

Ma è stata anche l’occasione per far conoscere il suo ultimo lavoro. Non un libro o un calendario, ma un trittico di particolarissime fotografie della serie “WaterColours" nel formato 64x44 cm, stampate con inchiostri per litografia in una tiratura limitata a 300 copie ognuna, su carta Natural Evolution White della cartiere Cordenos.
“La tecnica di ripresa usata è vecchissima, è quella del mosso, spiega Carlo.
Fremito (Barcolana Trieste)
Durante le regate capitano lunghi momenti di pausa, così, quasi per ingannare il tempo, ho iniziato a sperimentare la tecnica del mosso con lunghi tempi posa giocando sulle aperture o chiusure dei diaframmi, sui movimenti della macchina. Ci vuole molta pazienza e infiniti tentativi prima di cogliere lo “scatto” giusto. Per esempio in quella che ho chiamato Fremito (l’ho fatta durante una Barcolana a Trieste) ho ottenuto quel risultato focalizzando i punti del controluce muovendo la macchina verticalmente.
Vento
Vento, invece, la macchina l’ho mossa orizzontalmente seguendo le evoluzioni della barca. L’ho fatta durante La Rolex Ilhabela Sailing Week in Brasile nel 2011. La terza invece,  che ho chiamato Illusione, l’ho fatta in occasione de Les Voiles des Saint Tropez, mi sono limitato a seguire l’andamento della regata.”




Illusione
Il trittico è racchiuso in una cartella rigida che contiene anche un documento che certifica il numero della copie stampate. La serie completa viene venduta a € 250,00, mentre una singola costa € 100,00.
Sono vendute solo ed esclusivamente presso la Libreria Internazionale il Mare di Roma.











A sn. Il certificato di autenticità