venerdì 2 dicembre 2011

Il 13 dicembre in libreria per incontrare L’Isola che c’è

Per il secondo anno in libreria una serata dedicata  al paradiso dei sub, alla perla del Mediterraneo l’isola dei confinati,  … tante sono le frasi immaginifiche cui si ricorre per indicare Ustica, la piccola isola vulcanica che sorge sessanta  chilometri a Nord di Palermo.  Ma, al di là degli aforismi, Ustica è uno scrigno che custodisce almeno 5 mila anni di storia umana e un milione di anni di storia naturale…
L’appuntamento, organizzato come sempre dal Centro Studi dell’Isola, è per il prossimo 13 dicembre,  da godersi con la mente, col cuore e col palato, ed è dedicata sia agli appassionati dell’isola, sia a quanti desiderano fare per la prima volta la sua conoscenza, in un contesto culturale così ricco di attrazione per gli amanti del mare come quello offerto dalla libreria Il Mare.

L’isola che c’è. Ustica tra storia e attualità
Il Centro Studi e Documentazione Isola di Ustica ha scelto un titolo che incuriosisce per l’ appuntamento alle 19 del 13 dicembre prossimo alla Libreria Internazionale Il Mare di via Ripetta 239, a Roma.
Innanzitutto intendiamo celebrare, proprio nel 150° dell’unità d’Italia, una data per noi memorabile. Esattamente 250 anni fa, nel 1761, nasceva la comunità civile di Ustica: i nuovi coloni, per lo più liparoti, seguendo il bando regio di Ferdinando IV di Borbone, prendevano possesso dell’isola, sottraendola così ai corsari barbareschi e fondando l’attuale universitas, come si chiamavano allora i comuni del regno.
Ma a parte i momenti celebrativi, l’incontro alla Libreria Il Mare, come già è avvenuto l’anno scorso, sarà l’occasione per riunire insieme soci, amici del Centro Studi e estimatori vecchi e nuovi della nostra isola.
Ospite d’onore, quest’anno, sarà Marco Castellazzi, biologo marino, autore e presentatore di Geo&Geo Scienza, uno spazio, nell’ambito della fortunata trasmissione pomeridiana di Rai3, dedicato agli esperimenti e alla divulgazione scientifica. Marco porterà la testimonianza della sua passione per Ustica, dove ha trascorso indimenticabili giornate di studio e di vacanza. Altre testimonianze verranno dai soci onorari del Centro Studi e dai cittadini onorari di Ustica che hanno aderito all’iniziativa.
Il Centro Studi presenterà poi la sua produzione editoriale, che quest’anno risulta particolarmente abbondante.
Il periodico Lettera, una rivista che conta ormai quasi 15 anni di vita, tanti quanti ne ha il Centro Studi, esce in una nuove veste tipografica, che pur mantenendo l’impianto sobrio che si addice a una rivista di ricerca storica e scientifica, ne valorizza i testi e le illustrazioni, con un tocco di raffinata eleganza. Il direttore della testata Giuseppe Giacino illustrerà i contenuti dei primi due numeri della nuova serie.
La collana del Centro Studi Le Ossidiane, si è arricchita quest’anno di due nuovi volumi, che saranno entrambi presenti alla Libreria Il Mare, assieme alla precedente produzione editoriale.
Ustica s’inabisserà? Cronistoria della sequenza sismica del 1906 che causò l’abbandono dell’isola, (autori Franco Foresta Martin, Geppi Calcara e Vito Ailara) sarà presentato dal socio onorario prof. Massimo Chiappini, dirigente di ricerca dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia. Si tratta di una storia antica e ancora attuale, che fa riflettere su come un’emergenza sismica nella piccola e allora sconosciuta isoletta, abbia fatto scattare straordinari provvedimenti di tutela delle vite di cittadini e di confinati. Il volume, ricco di illustrazioni d’epoca, cura con particolare attenzione la ricostruzione del contesto paesaggistico e sociale usticese ai primi del Novecento.
Una storia di Posta nel Tirreno. Isola di Ustica 1861- 2011, (autore Giuseppe Giacino), sarà presentato da Augusto Ferrara, Direttore de L’Informazione del Collezionista, fondatore dell’Ascat (1) e perito filatelico. Il volume costituisce una rassegna piacevolmente narrata e illustrata della storia postale Usticese, sullo sfondo della storia postale nazionale e internazionale, nel 150° anniversario della costituzione del primo Ufficio Postale dell’isola.
Anche quest’anno, l’iniziativa culturale del Centro Studi, è arricchita dai prodotti alimentari tipici usticesi. A coronamento della serata, c’è da aspettarsi piatti di lenticchie fumanti, assaggi di pesce, dolci natalizi e vini pregiati delle vigne di Tramontana. Come dire che al nutrimento dello spirito e dell’anima seguirà quello non meno importante del corpo, in puro stile usticese!
Franco Foresta Martin
Presidente del Centro Studi e Documentazione Isola di Ustica
  1. Association Internationale des éditeurs de catalogues de timbres-poste, d'albums et de publications philatéliques