mercoledì 30 marzo 2011

Un libro per sognare

Benetti è il titolo del libro, Electa Edizioni, che ci parla di barche da sogno, quelle che sono uscite e continuano a uscire dal cantiere Benetti. Fondato nel 1873 è uno dei più antichi cantieri per la costruzione di yacht, conosciuto in tutto il mondo, inventore dei megayacht e marchio italiano del lusso per eccellenza.
Decio G. Carugati. giornalista e critico del design, ne ripercorre la storia degli ultimi cinquant’anni in centosettanta pagine impreziosite con centosessantadue immagini, provenienti dall’archivio storico Benetti, che illustrano la produzione delle imbarcazioni degli ultimi 15 anni sia nel design della struttura esterna, sia nell’elegante lusso degli arredamenti interni.
Il 62 metri Adora
Brigantino San Giorgio
Dal 1980 è gestito da Azimut che ne ha assunto il controllo, oggi il gruppo Azimut Benetti per il sesto anno consecutivo è il primo cantiere al mondo in termini di produzione di megayacht.
In oltre centotrenta anni di attività il cantiere Benetti è stato protagonista di ogni fase storicadell’industria italiana. Come ricorda Vincenzo Poerio nella sua introduzione, ha costruito le prime navi da lavoro a vela in legno, ideato i primi panfili in acciaio e varato per primo megayacht in
composito; a volte seguendo l’evoluzione costruttiva industriale, altre essendone il precursore.
Hamesso a punto uno studio sofisticato per lo sviluppo di ogni dettaglio, introducendo una visione contemporanea di disegno industriale in campo nautico.
Uno dei suoi velieri storici – il Brigantino San Giorgio del 1921 – il più grande del Mediterraneo dell’epoca, poi requisito dalla Marina Militare e trasformata nella Nave Scuola Ebe, è esposto al Museo della Scienza e della Tecnica di Milano, dove vi fu trasportata nel 1958 con 25 autocarri. È una delle più grandi navi a vela ad essere conservata all’interno di un museo.
My Queen
 Il volume inizia la narrazione a partire dal 1960 – milestone definita dalla nascita dello yacht da diporto prima in acciaio e successivamente in materiale composito – e ripercorre fino alla realtà odierna la storia dell’azienda e della sua attività, caratterizzata da un continuo esercizio di miglioramento dei propri standard costruttivi, attraverso la costante ricerca di tecnologie innovative, il perfezionamento di forme sempre più inedite e il raggiungimento di dimensioni di scafo sempre maggiori.

Ambrosia, sala da pranzo


Con i suoi tre cantieri di Viareggio, Fano e Livorno, oggi Benetti è il leader mondiale nel campo dei custom yacht, capace di produrre yacht in composito superiori ai 28 metri e megayacht in acciaio e alluminio oltre i 47 metri. Grazie a un know-how altamente specializzato Benetti può tradurre in forme naviganti ogni segno tracciato dai più grandi designer italiani e internazionali – da Stefano
Righini e Stefano Natucci per gli esterni a Fracois Zuretti, Carlo Galeazzi e Lazzarini and
Pickering per gli interni – un segno che mantiene la propria univoca identità, riconoscibile a colpo d’occhio in qualunque parte del mondo.


Silver Angel